Uomini (e donne) del Sottosuolo

Non bisogna confondere il patriarcato con gli uomini, il maschile con i maschi. Quello che caratterizza le società patriarcali è la gerarchia, non il fatto che ci sia un uomo in cima. Tutti gli imperi, i governi, le aziende, le famiglie con a capo una donna non sono certo più matriarcali dei corrispettivi maschili. Anche una donna può avere introiettato i valori maschili e comportarsi in modo autoritario e prevaricatore. Il matriarcato non é l'opposto speculare del patriarcato. Archè vuol dire anche Origine, oltre che a Governo.

Questi fraintendimenti sono all'origine di quei confronti tra pesi massimi del pensiero contemporaneo sulla falsariga di:

... e a seguire parte un Grande Discorso da Bar fatto di luoghi comuni, visioni polarizzanti e dicotomie oppresso/oppressore già superate dalla letteratura femminista almeno da una quarantina d'anni (vedi il Manifesto Cyborg), che hanno l'effetto controproducente di allontanare le persone e alimentare rabbia e risentimento. I movimenti della Manosphere sono nati proprio in risposta a queste visioni parziali, opponendo però altre visioni parziali ed estremizzate (donne approfittatrici, uomini divorziati che finiscono a vivere nei parcheggi...). Una spirale di odio che si auto-alimenta.

Esistono sia uomini che donne che sono o non sono affatto in contatto col proprio lato femminile. La violenza non viene da dentro alle persone, ma dalle strutture sociali, quindi il lavoro di rieducazione affettiva va fatto in modo collettivo, senza retorica della colpa o della responsabilità, gare a chi é più o meno privilegiat, vittimismo e tutta una serie di facciate che malcelano la voglia di trovare qualcun su cui rifarsi (come l'uomo del Sottosuolo o il malriuscito nietzscheano in versione 2.0).

La figura dello stupratore non é vista di buon occhio nelle società patriarcali, perché lo stupratore è percepito come un vigliacco che se la prende con qualcun_ più debole, proprio all'opposto del maschio forte, virile e sicuro di sé che viene glorificato da millenni. Per questo le violenze avvengono tra le mura domestiche o in spazi isolati: bisogna salvare prima di tutto la reputazione.

(ma anche qui é il concatenamento che crea il soggetto: quattro mura, una serratura, uno spazio appartato, la dipendenza economica e affettiva...)

Il patriarcato é pieno di contraddizioni: da un lato crea i presupposti per la violenza con l'istituzione della proprietà privata, dall'altro condanna il violento. Da un lato crea la figura della prostituta con l'istituzione della moneta e l'economia orientata allo scambio, dall'altro crea lo stigma sulla prostituzione e il doppio standard sulla sessualità.

Magari cerchiamo di capire un po' meglio cos'è e come funziona, invece di cercare qualcun_ contro cui puntare il dito.